Brescia romana

L’area romana cittadina, la più significativa del Nord Italia per estensione, per divenire pienamente agibile necessita di un adeguato piano complessivo di recupero, che ne consenta una reale usufruibilità generale, da realizzarsi quanto prima possibile.

L’azione da svolgere, per raggiungere un tale necessario risultato, al quale la Fondazione CAB contribuisce fin dall’inizio della sua attività, è quella di provvedere, sulla base di una sempre più efficace elaborazione progettuale, alla realizzazione dei necessari lavori di recupero storico-artistico e di piena valorizzazione, con fini turistici.

Eccezionale è stato il recupero, già avvenuto, delle Domus dell’Ortaglia e reso possibile dal mecenatismo della Fondazione CAB.

Un’opera, quella compiuta, che ha messo splendidamente in risalto l’eccezionale stratigrafia storica esistente nel sito museale di Santa Giulia e che invita a proseguire l’attività, così magistralmente avviata, con analoghi progetti di pari rilievo storico ed artistico.  

Si tratta di interventi volti al recupero di altre importanti domus romane, riunite in agglomerati abitativi costruiti in prossimità del nucleo già ora  musealizzato.

La Fondazione CAB ne ha elaborato i relativi progetti di scavo e recupero, volti alla miglior  valorizzazione possibile delle straordinarie  evidenze  storiche esistenti.

La Brescia romana copre una vasta area  e comprende anche grandi testimonianze d’epoca presenti nel centro cittadino, prima fra tutte la grandiosa struttura del Capitolium, con le sue imponenti celle di epoca repubblicana e, nei pressi, il Teatro romano, il Foro  e la Basilica.    

La presenza diffusa di reperti romani offre anche l’occasione per riscoprire e valorizzare adeguatamente le importantissime collezioni di reperti romani conservate in Santa Giulia e suggerisce interessanti contestualizzazioni tra i reperti ed i loro luoghi di provenienza. 

Tra i tesori romani presenti nel Museo della Città vanno ricordati i numerosi reperti provenienti dall’area pubblica - tra i quali i bronzi rinvenuti presso il Capitolium e la famosa statua della Vittoria Alata – che documentano l’immagine della città dal I secolo a.c. al V secolo d.C.    Le ricche abitazioni sono invece testimoniate da pavimenti a mosaico con decorazioni geometriche e figurate mentre dalle necropoli provengono i numerosi monumenti funerari ed i corredi.

Ricco di sorprese ed emozioni è l’itinerario possibile alla scoperta delle testimonianze archeologiche dell’antica Brixia, città tra le più ricche e importanti dello stesso Impero romano.